il sudore può causare danni al cuoio capelluto e quindi anche ai capelli

Sudore e capelli: il caldo è un nemico?

Sudare è un processo fisiologico del tutto normale, ma che può causare fastidi al cuoio capelluto e, di conseguenza, anche ai capelli.

Che cosa succede ai nostri capelli quando si suda troppo e cosa si può fare? Nell’articolo di oggi, troverà tutte le risposte necessarie!

Sudore: attenzione a questo possibile nemico dei capelli


Sudare è un processo fisiologico molto importante per il benessere e la salute del nostro organismo. C’è, però, anche da dire che sudare in maniera troppo copiosa può causare dei problemi al cuoio capelluto e, di conseguenza, anche ai capelli che possono indebolirsi e rovinarsi.

Composizione e funzione del sudore


Anche se a volte può rovinare i capelli, il sudore di per sé non fa male, anzi è il contrario. Sudare è, infatti, un processo fisiologico molto importante per tutto il nostro organismo, poiché permette di regolare la temperatura del corpo rispetto a quella esterna.

Questo è il motivo perché durante l’inverno si suda di meno, mentre nei mesi più caldi la produzione di sudore aumenta. Il sudore ha, inoltre, anche una funzione depurativa, poiché pulisce la nostra pelle dalle scorie e dalle tossine.

Il sudore è composto, per la maggior parte, da acqua e da altre componenti organiche, oltre a una percentuale di sali minerali. Esso viene secreto attraverso le ghiandole sudoripare, le quali possono essere di due tipi.

  • Eccrine: quando sfociano nell’epidermide in maniera diretta.
  • Apocrine: quando confluiscono nei follicoli piliferi.

Quando il sudore può diventare un problema per i capelli?


Ci sono dei casi in cui può avvenire una sudorazione eccessiva in alcuni parti del corpo. In tali circostanze, si parla di iperidrosi. Questo fenomeno può essere determinato da dei particolari stati emotivi, di stress o anche di tensione.

In altri casi, questo aumento della produzione di sudore può essere causato anche da un problema più specifico come l’obesità, ma anche da una patologia legata alla tiroide oppure al sistema linfatico.

La conseguenza dell’iperidrosi del cuoio capelluto è un indebolimento della cute, con delle frequenti irritazioni accompagnate anche da un aumento di batteri che causano il cattivo odore che viene associato al sudore.Il troppo sudore può causare l'iperidrosi del cuoio capelluto e indebolire i capelli

Per quanto riguarda il cuoio capelluto nello specifico, sudare troppo può incidere sulla qualità dei nostri capelli. In primo luogo, il sudore altera la naturale barriera che protegge il cuoio capelluto da scorie e batteri, causando degli arrossamenti e anche del prurito.

In secondo luogo, il sudore tende a sciogliere il sebo che i capelli producono in maniera naturale e li rende molto unti. È chiaro che non stiamo parlando di problemi molto gravi. Non ci sono, infatti, evidenze che provino che il sudore faccia perdere i capelli.

È anche chiaro, però, che questo problema riduce la salute del cuoio capelluto, causando molti fastidi. Se il problema, però, dovesse continuare per dei lunghi periodi di tempo, aumenterebbero i rischi che i capelli possano diventare sempre più deboli.  

Precauzioni contro l’eccessiva sudorazione dei capelli


Proteggere il cuoio capelluto dall’iperidrosi è molto importante per preservare il suo stato di salute. Un primo passo, è capire il motivo per cui si suda in maniera così copiosa. Si possono effettuare, per esempio, anche degli esami che escludano la presenza di patologie specifiche, analizzando in maniera adeguata le caratteristiche dei capelli.una donna fa una visita ai capelli per determinare le cause del sudore

A questo punto, si può cercare un trattamento che sia in grado di risolvere o, quanto meno, di alleviare gli effetti del problema.

Può anche essere utile seguire dei piccoli accorgimenti durante la vita di tutti i giorni:

  • mangiare in maniera regolare alimenti che fanno bene ai capelli, oltre che alcune piante aromatiche come il basilico o la salvia;
  • tenere in ordine i capelli;
  • lavare i capelli in maniera regolare, usando uno shampoo naturale, ma non troppo di frequente, per non alterare l’equilibrio della cute.
  • praticare, quando è possibile, delle attività rilassanti, in modo da abbassare i livelli di stress o ansia;
  • limitare le situazioni in cui si rischia di sudare troppo.

Conclusioni


Come abbiamo letto, sudare è un processo fisiologico che permette al nostro corpo di regolare la temperatura interna, adattandola a quella esterna. Inoltre, ha anche una funzione depurativa, poiché aiuta la nostra pelle a espellere le scorie e le tossine.

Anche se come abbiamo detto fa bene a tutto il corpo, il sudore può comunque causare dei fastidi al cuoio capelluto e, di conseguenza, anche ai capelli, i quali possono indebolirsi e anche rovinarsi.

Il sudore, infatti, può alterare la naturale barriera protettiva del cuoio capelluto, causando degli arrossamenti e anche prurito. Inoltre, scioglie il sebo che i capelli producono in maniera naturale, rendendoli molto unti.

Questa eccessiva sudorazione si chiama iperidrosi del cuoio capelluto e, in genere, si manifesta in seguito a momenti di stress o anche di grande tensione emotiva. Quando si soffre di questo problema, è meglio parlare con un medico.

In tal modo, si potrà capire quale sia la causa del sudore e trovare anche il miglior trattamento per risolvere il problema. Inoltre, si possono seguire anche dei piccoli accorgimenti che possono rivelarsi utili per limitare il sudore in eccesso.

Ancora nessun commento!

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.