foto che mostra la formula della composizione chimica della biotina per capelli

Biotina per capelli: aiuta contro la caduta?

Grazie alla sua preziosa azione, la biotina è in grado di diminuire sensibilmente la perdita dei capelli e regolarizzare il ciclo di crescita.

La biotina per capelli coadiuva una crescita sana e più veloce dei fusti capillari, nonché la stimolazione follicoli piliferi con sostanze nutritive molto importanti.

La sua azione benefica non si ferma solo alla chioma, ma coinvolge anche la pelle e le unghie. Come? Continui a leggere per scoprirlo!

Cos’è la biotina?


La biotina per capelli è una vitamina idrosolubile molto importante per il corpo, in particolare per la salute di capelli, unghie e pelle. Detta, a seconda della nomenclatura, anche vitamina H, vitamina  B7 o vitamina B8, fa parte del complesso B. La biotina, non viene prodotta dall’organismo, ma può essere assunta tramite l’alimentazione.

L’efficacia della biotina


La biotina funziona da coenzima per molti enzimi utili nel metabolismo di zuccheri, grassi e proteine, noti come carbossilasi. Proprio grazie al suo ruolo metabolico, tale vitamina è necessaria per tutto il corpo.

La biotina si trova maggiormente all’interno del fegato, dove si svolge la gluconeogenesi, cioè il processo metabolico degli aminoacidi ramificati e la sintesi degli acidi grassi.

Grazie alle sue proprietà, la biotina è efficace nei seguenti casi:

  • trattamento di alcuni deficit enzimatici congeniti;
  • incremento del metabolismo degli zuccheri;
  • miglioramento della qualità dei capelli;
  • aumento della qualità delle unghie;
  • miglioramento del metabolismo intermedio.

Quali sono i cibi che contengono biotina?


La biotina per i capelli è contenuta in cibi come:

  • pesce;
  • soia; 
  • latte e derivati;
  • tuorlo d’uovo;
  • noci e frutta secca;
  • frutta e verdura;
  • fegato di maiale o manzo;
  • polvere di cacao;
  • fiocchi d’avena, lievito secco, crusca.

Per il benessere dei capelli, ma anche per quello del corpo, bisognerebbe integrare questi cibi nella dieta, poiché, oltre a essere ricchi di biotina, possiedono molte sostanze utili all’organismo. foto di molti alimenti diversi contenenti biotina per capelli

Carenza di biotina


Nei casi di deficit enzimatico, la biotina si rivela un elemento chiave, riuscendo anche a bloccare la caduta dei capelli.  Anche lo spessore e l’integrità delle unghie migliorano grazie a questa vitamina. La carenza di biotina è piuttosto rara e al momento non esistono test che la determinino con certezza, anche se ci sono alcuni sintomi come:

  • disturbi della pelle; 
  • calvizie; 
  • affaticamento; 
  • dolori muscolari;
  • crampi notturni. 

La carenza di biotina può essere associata:

  • alla gravidanza; 
  • a uno stato di malnutrizione; 
  • a una repentina perdita di peso; 
  • alla necessità di alimentarsi per via parenterale; 
  • ad alcune condizioni mediche; 
  • a depressione o esaurimenti;
  • al fumo; 
  • al consumo frequente di albume crudo. 

Nell’albume, infatti, è contenuta l’avidina, una proteina che ostacola l’assorbimento di biotina, ma grazie alla cottura, è però possibile neutralizzare questo effetto negativo. Proprio l’interazione fra queste sostanze, emersa durante una ricerca sui topi, ha permesso di scoprire l’esistenza della biotina. 

Cosa comporta la carenza di biotina per i capelli?


L’aspetto dei capelli è un riflesso della salute del cuoio capelluto e una carenza di biotina può avere delle gravi conseguenze su pelle e capelli. Dermatiti, lesioni cutanee, capelli fragili e opachi e calvizie, sono causa di una carenza di questa vitamina.

Pertanto, per avere capelli sani e splendenti, bisognerebbe integrare la biotina almeno 2 volte l’anno. Poiché l’assunzione di questa vitamina ha un effetto ricostituente sui capelli fragili che, dopo 2/3 mesi, torneranno nuovamente forti.

Biotina per capelli: azione combinata con la cheratina


Le unghie e i capelli sono costituiti, quasi totalmente, da cheratina. La biotina è un coenzima che regola la produzione di questa proteina e aiuta, quindi, a renderla più forte e resistente attivando il metabolismo delle cellule e permettendo che esse si replichino più velocemente, generando effetti positivi sulla crescita dei capelli e delle unghie.

La biotina stimola la creazione di una cheratina più resistente e dura e, quindi, le squame della pellicola esterna dei capelli (cuticole) risultano più coese, facendo apparire la chioma più lucida e bella. 

foto che mostra i benefici della biotina per capelli

In caso di dermatiti, la biotina regola i processi infiammatori, agendo sull’accumulo degli acidi grassi saturi che provocano l’infiammazione. Per questo, viene utilizzata spesso come coadiuvante sia per il trattamento della dermatite seborroica, sia per altre patologie infiammatorie.

LA BIOTINA È SICURA?
La biotina è assolutamente sicura: viene prescritta anche durante la gravidanza e non c’è nessuna controindicazione, ma come tutti gli integratori, va assunta secondo il bisogno, senza esagerare. 

Integratori per capelli alla biotina


Solitamente, la biotina si assume tramite l’alimentazione. Se, però, per varie ragioni, non si possono ingerire questi cibi, si possono assumere degli integratori. Il loro periodo di assunzione è di 2/4 mesi, ma in caso di bisogno, si può arrivare anche fino a 6.

Il nostro corpo, però, può elaborare solo una quantità determinata di vitamine e sostanze che fanno crescere i capelli. Il resto, infatti, viene eliminato, quindi bisogna assumere questi integratori senza esagerare.

CONSIGLI DEGLI ESPERTI
Anche il Dr. Balwi crede nel potere della biotina e, a questo scopo, ha sviluppato i suoi integratori alimentari. Grazie alla biotina, alle vitamine e alle sostanze vegetali presenti in questo prodotto, i capelli diventeranno sani e forti.

Shampoo alla biotina


Un’alternativa agli integratori, è anche lo shampoo alla biotina del Dr. Balwi, utile per rinforzare e proteggere i capelli a ogni lavaggio grazie alla combinazione unica degli ingredienti che nutrono le radici e i fusti, prevenendo anche la caduta.

Conclusioni


Gli integratori di biotina sono normalmente ben tollerati e non si registrano casi di iperdosaggio o intolleranza, a meno che non si soffra di un’allergia specifica a questa vitamina o ad alcuni ingredienti contenuti negli integratori.

Alcuni anticonvulsivanti e antibiotici possono ridurre l’efficacia della biotina, soprattutto se assunti per lunghi periodi di tempo.  In gravidanza o allattamento è bene non superare le dosi consigliate e consultarsi sempre con il proprio medico di fiducia.

Ancora nessun commento!

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.