le patatine fritte non sono un rimedio contro la perdita di capelli

Perdita di capelli: le patatine fritte sono un rimedio?

L’annuncio ha fatto il giro del mondo in poche ore: le patatine fritte sarebbero un valido alleato contro la calvizie, in particolar modo contro l’alopecia androgenetica.

Purtroppo, la verità è sempre più complessa di come sembra e, seppure ci sia un fondo di vero in questa notizia, i cibi fritti non vi restituiranno una folta chioma.

Il vero potere delle patatine fritte contro la perdita di capelli


In realtà, non sono le patatine ad aiutare contro la perdita di capelli. Come sottolineato dalla Yokohama University, è un componente che si sviluppa durante la frittura: il dimetilpolisilossano. Questo polimero, aiuta i follicoli piliferi a mantenersi attivi nelle terapie rigenerative anti perdita di capelli.

L’olio delle patatine fritte, quindi, non è efficace contro la perdita di capelli. Come detto, può aiutare i follicoli piliferi a restare produttivi, ma non può fare nulla per i capelli ormai perduti.

Come hanno dovuto dichiarare i ricercatori stessi, si è trattata dell’ennesima “bufala” del web. A crearla, sarebbe stato un errore di comprensione dell’articolo pubblicato sulla rivista scientifica Biomaterials

Gli alimenti che aiutano a prevenire la perdita di capelli


Esistono numerosi cibi ricchi di sostanze utili nel prevenire la perdita di capelli. Tra questi, ce ne sono molti ben più sani delle patatine fritte, che andrebbero consumate sempre con moderazione.

  • Pesce per l’elevato contenuto di Omega-3.
  • Latte e yogurt sono fonti di vitamina H e di proteine.
  • Il formaggio contiene proteine, grassi, calcio e zinco e amminoacidi.
  • La frutta fresca è ricca di vitamina C.
  • La frutta secca è ricca di minerali e di acidi grassi essenziali.
  • Quasi tutta la verdura è ricca di vitamine e sali minerali.
  • Carboidrati a basso indice glicemico.
  • I legumi poiché contengono ferro, lisina, zinco e selenio.
  • Le uova sono ricche di proteine nobili.

La cura per la calvizie: non le patatine fritte, ma il trapianto di capelli


il trapianto di capelli e non le patatine fritte è il rimedio alla calvizieNonostante la loro potenzialità nell’impedire la perdita di capelli, le patatine fritte, non fanno certo miracoli. Lo stesso ovviamente vale anche per gli altri cibi consigliati.

Inoltre, per ottenere delle dosi sufficienti di dimetilpolisilossano efficace contro la perdita di capelli, bisognerebbe mangiare davvero tantissime patatine fritte. Questo, alla lunga, si rivelerebbe non sano e neppure molto economico.

In definitiva, il miglior modo per mantenere i capelli sani, non è mangiare le patatine fritta, ma è seguire una dieta corretta e bilanciata, oltre che avere uno stile di vita che sia il più sano possibile.

Se si vuole un risultato definitivo, l’unico rimedio per i follicoli inattivi è il trapianto di capelli DHI. Questo metodo infatti, dona risultati migliori, duraturi e reali. Si tratta di un intervento poco invasivo, eseguito in anestesia locale, utlizzando il metodo Comfort-In.

Conclusioni


Nonostante quello che dicono i molti articoli online, le patatine fritte non curano la perdita di capelli. In realtà, è un componente che si sviluppa durante la frittura che sembra avere un effetto positivo nel prevenire la calvizie.

Questo perché aiuta i follicoli piliferi a mantenersi produttivi. Il problema è che si dovrebbero mangiare tonnellate di patatine che, come sappiamo, non è molto salutare.

Come detto, ci sono molti alimenti che aiutano a contrastare la perdita di capelli, ma nessuno è definitivo. Seguire una dieta ricca e bilanciata, aiuta molto, ma non risolve il problema. L’unica soluzione permanente ed efficace rimane il trapianto di capelli. 

Ancora nessun commento!

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.