solo un medico può stabilire qual è lìetà migliore per un trapianto di capelli

Età trapianto capelli: qual è la migliore?

Il 18% degli italiani soffre di calvizie prima dei 20 anni e la percentuale si duplica per gli uomini under 35.

Grazie alla chirurgia tricologica oggi è possibile trovare una soluzione definitiva a questa condizione di disagio. Tuttavia, bisogna tener conto del fattore età.

Qual è la migliore età per un trapianto di capelli? Esiste un limite per il quale si è troppo giovani o troppo adulti? Scopriamolo insieme!

Esiste un’età migliore per il trapianto di capelli?


L’alopecia androgenetica si manifesta, nella maggior parte dei casi, in uomini e donne di età compresa tra 24-34 anni, ma può verificarsi anche prima. La calvizie, infatti, può presentarsi anche tra 12 e 20 anni.

Secondo degli studi, 1 italiano su 5 soffrirebbe di calvizie giovanile. È per questo che molti si chiedono: esiste una migliore età per un trapianto di capelli? La risposta è sì!

Perché perdiamo i capelli?


Prima di parlare di età consigliata per l’autotrapianto di capelli, consideriamo le cause della calvizie. L’alopecia androgenetica o calvizie comune, è causata dalla sensibilità all’ormone diidrotestosterone (DHT).

La sensibilità a tale ormone, causa un processo che porta alla miniaturizzazione dei bulbi piliferi e, quindi, alla loro atrofizzazione. Il risultato è il diradamento nella parte frontale e nella zona della chierica.

l'età migliore per il trapianto di capelli viene determinata in base a diversi fattori

Autotrapianto di capelli: qual è l’età minima?


Non c’è un’età per il trapianto di capelli. Infatti, se si ha un’ampia zona donatrice, è possibile sottoporsi all’operazione in qualsiasi momento (anche in età avanzata).

L’operazione consiste nel prelievo delle unità follicolari dalle aree del capo più folte (nuca o lati della testa) e il loro innesto nella zona calva. Perciò, è importante che la linea dell’attaccatura sia disegnata secondo i lineamenti del viso.

Il trapianto di capelli con tecnica FUE è sconsigliato sotto i 20/25 anni. Infatti, i lineamenti e le forme del volto potrebbero cambiare, compromettendo il risultato finale.

Alcuni tricologi raccomandano di sottoporsi all’intervento solo dopo i 30 anni. Secondo altri, invece, si potrebbe effettuare anche prima. Qual è allora l’età migliore per un trapianto? Vediamolo insieme!

Età minima per il trapianto di capelli: 18-20 anni


Come accennato, l’operazione è possibile a qualsiasi età, ma normalmente si sconsiglia di farlo quando si è troppo giovani.

A 18-20 anni si è in pieno sviluppo e i lineamenti del viso potrebbero cambiare. Bisogna attendere l’età adulta prima di procedere con il trapianto, così da determinare la linea dell’attaccatura in base ai lineamenti definitivi.

Inoltre, a questa età, vi sono dei cambiamenti ormonali e l’alopecia androgenetica non è stabile. In tale condizione, non è possibile sottoporrsi all’intervento. 

La calvizie colpisce ogni paziente in maniera diversa e, quindi, sono gli esperti a dover decidere. In definitiva, è possibile fare l’intervento da 18-20 anni, ma sarebbe consigliabile aspettare almeno i 25

Età migliore per il trapianto di capelli: 25-35 anni


Questa è l’età ideale per il trapianto di capelli FUE, poiché si è giunti in età adulta. Infatti, a questa età, la calvizie è diventata stabile. Non vi sono ulteriori cambiamenti importanti nei lineamenti del viso o a livello ormonale.

La zona donatrice, inoltre, dovrebbe anche essere al massimo della foltezza. È questo il momento giusto per un autotrapianto di capelli!la migliore età per un trapianto di capelli è tra i 25 e i 35 anni

Età massima per il trapianto di capelli: 35-75 anni


L’età per sottoporsi a un trapianto di capelli è 25-35 anni, ma con le condizioni adatte, può essere effettuato anche da più anziani. Infatti, il trapianto di capelli bianchi o brizzolati non è diverso da quello dei capelli ancora colorati. 

Ecco quali sono i requisiti necessari:

  • zona donatrice folta e sana;
  • zona ricevente delle giuste dimensioni. Se la zona calva è troppo ampia rispetto ai follicoli disponibili, il risultato non sarà soddisfacente. 
  • il paziente deve essere in buona salute e avere il tipo di alopecia adatta. La calvizie comune può essere risolta con un trapianto, ma ciò non vale per l’alopecia areata o dovuta a seborrea

Conclusioni


Non esiste un’età per il trapianto di capelli, anche se è sconsigliabile farlo quando si è troppo giovani. Questo perché i cambiamenti ormonali e fisici in corso, potrebbero condizionare il risultato finale.

A quell’età, infatti, la calvizie non si è ancora stabilizzata e quindi, c’è il rischio di continuare a perdere i capelli anche dopo l’operazione. Per questo, gli esperti concordano che la migliore età per un trapianto di capelli sia tra 25 e 35 anni.

A tale età, ormai non vi sono più cambiamenti fisici e ormonali di rilievo. Soprattutto, la caduta dei capelli dovrebbe essersi stabilizzata. 

Ancora nessun commento!

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.