Seleziona una pagina
il Ruxolitinib contro l’Alopecia, il nuovo medicinale direttamente dall'america

Cura della calvizie: dall’America arriva il Ruxolitinib contro l’Alopecia


Quante unitá follicolari ti servono?

✔ 99% Pazienti soddisfatti
✔ 100% Fiducia
✔ Recensioni Top
Consulenza gratuita

Direttamente dall’America, ottime notizie per chi soffre di calvizie: arriva il Ruxolitinib contro l’Alopecia. Questa nuova molecola rappresenterebbe la soluzione per chi soffre di alopecia areata, ossia perdita di capelli a chiazze.

Ruxolitibin e alopecia areata

L’ FDA americana ha approvato l’utilizzo di questo nuovo farmaco, il Ruxolitinib contro l’alopecia, una molecola capace di portare alla ricrescita dei capelli per i pazienti affetti da alopecia areata.

Il nome alopecia, la malattia che causa una perdita parziale o totale di capelli, ma anche dei peli del corpo, deriva dal greco, alōpex, cioè volpe, un animale che tende a perdere il pelo a chiazze. Oggi, per alopecia si indica la degradazione della qualità di capelli e peli e la loro progressiva diradazione, miniaturizzazione o scomparsa. Si tratta di una condizione molto diffusa, anche se colpisce soprattutto i soggetti di sesso maschile.

L’alopecia si divide in quattro grandi tipologie: androgenetica, areata, cicatriziale e da chemioterapici. L’alopecia androgenetica, nota anche come alopecia comune o calvizie, è la forma più frequente di perdita dei capelli. Si manifesta in modo differente, a seconda del sesso:

  • Negli uomini è caratterizzata da un assottigliamento progressivo dei capelli, che inizia dalle tempie e dalla chierica e si estende su tutto il cranio.
  • Nelle donne è contraddistinta dalla rarefazione diffusa dei capelli della parte alta della testa.

L’alopecia areata deriva da un fenomeno autoimmune, nel quale il sistema immunitario inizia ad aggredire i follicoli piliferi, determinando così la caduta dei capelli su una superficie più o meno estesa della testa. Si tratta di una variante dell’alopecia comune nei bambini, ma che può presentarsi anche nell’età adulta, in forme più aggressive.

Questa forma di alopecia è difficile da curare. Si può tentare di fermare la caduta con i farmaci, ma non sempre si può ottenere il risultato desiderato.

La ricerca del Columbia University Medical Center sugli effetti del Ruxolitibin e alopecia areata

Uomo assume il Ruxolitinib contro l’Alopecia

I ricercatori del Columbia University Medical Center (CUMC), sono riusciti a identificare le cellule immunitarie responsabili della distruzione follicoli capillari. In seguito, hanno ricercato un principio attivo che potesse sopprimere le cellule immunitarie colpevoli della caduta dei capelli, ripristinando quindi la crescita della chioma.

Questo principio attivo si trova nel Ruxolitinib, che è stato testato da diversi pazienti che soffrono di alopecia areata.  «Abbiamo iniziato a testare il farmaco su alcuni pazienti – spiega il dott. Raphael Clynes, che ha guidato la ricerca insieme ad Angela M. Christiano, professore del Dipartimento di Dermatologia e di Genetica e Sviluppo di CUMC – ma se il farmaco continua ad avere successo e risulta sicuro, avrà un eccezionale impatto positivo sulla vita delle persone affette da questa malattia».

Come agisce il Ruxolitibin contro l’alopecia? Il dettaglio della ricerca

La ricerca è iniziata con alcuni test sugli animali in cui si è identificata e poi studiata la serie specifica di cellule responsabili dell’attacco ai follicoli dei capelli: le cellule T.

Successivamente sono stati fatti ulteriori studi sulle cellule die pazienti, scoprendo che le cellule T sono le colpevoli dell’attacco  dei follicoli. Indagando questo elemento, i ricercatori hanno scoperto alcuni inibitori – detti JAK – capaci di fermare l’attività distruttiva delle cellule T. Questi inibitori JAK sono il Ruxolitinib e un altro farmaco, il Tofacitinib.

I topi affetti da alopecia che hanno assunto questi farmaci, hanno reagito ottimamente: dopo 12 settimane non solo la caduta dei peli era bloccata, ma i nuovi peli sono durati molti mesi anche dopo l’interruzione del trattamento. Successivamente si è voluto valutare l’effetto del farmaco sulle persone.  Il Dott. Julian Mackay-Wiggan, direttore dell’Unità di Ricerca Clinica presso il Dipartimento di Dermatologia del CUMC, con il suo staff di ricercatori, hanno testato il farmaco su pazienti con alopecia areata che aveva comportato oltre il 30% di perdita dei capelli.

Alcuni partecipanti hanno avuto risultati fantastici: il ruxolitinib ha coadiuvato la crescita dei capelli in 4-5 mesi e le cellule T, colpevoli di attaccare i follicoli, sono scomparse dal cuoio capelluto.

«Abbiamo ancora bisogno di fare ulteriori test per stabilire che ruxolitinib possa essere utilizzato nella alopecia areata, ma questa è una notizia entusiasmante per i pazienti e i loro medici – così il dottor Clynes, poi continua – Questa malattia è stata completamente sottostudiata, fino a ora sono stati condotti solo due piccoli studi clinici che hanno valutato terapie mirate nell’alopecia areata, in gran parte a causa della mancanza di comprensione della meccanicistica sottesa».

Analisi gratuita dei capelli

Gratuita e senza impegno

Gli effetti collaterali del Ruxolitinib

Ovviamente esiste un rovescio della medaglia. Nonostante impedisca al sistema immunitario di attaccare i follicoli piliferi, il Ruxolitinib presenta altri effetti indesiderati da non sottovalutare.

In particolare, possono verificarsi danni epatici e renali, vertigini, immunodepressione, carenza di piastrine e globuli rossi, tumori, per esempio il cancro alla pelle, ed infezioni, anche gravi.

Il Ruxolitinib agisce poi solo sull’alopecia areata, e non ha alcuna capacità di fermare la calvizie androgenetica (che è la più comune, diffusa soprattutto tra i soggetti di sesso maschile). Difatti, le cause della calvizie androgenetica sono principalmente di tipo ormonale e/o ereditario.

Donna perde i capelli, vorrebbe provare il  Ruxolitinib contro l’Alopecia

Questa altra tipologia di alopecia – ossia l’alopecia androgenetica, la più comune –  può essere curata con un trapianto di capelli, al contrario di quella areata.  Se stesse cercando una soluzione definitiva per ritornare ad avere una capigliatura folta, potrebbe pensare di sottoporsi a un trapianto di capelli con tecnica FUE. Questa tipologia di trapianto, prevede il prelievo dei Grafts da una zona donatrice dello stesso paziente, generalmente la nuca, per essere trapiantati nella zona calva, la zona ricevente. 

Si sceglie la nuca proprio perché questain realta non è colpita dall’alopecia androgenetica: questo vuol dire che i capelli sono “sani” e che quindi potranno crescere in maniera ottimale nella zona glabra. Ciò  abbatte i rischi di rigetto si parla di autotrapianto di capelli, i quali vengono prelevati dallo stesso paziente. Al giorno d’oggi, questo tipo di operazione ha tempi di recupero davvero rapidi, che le permetteranno di riprendere la sua vita quotidiana davvero in poco tempo.

Ruxolitinib e alopecia areata: una soluzione con alcuni rischi

Come ha visto, l’uso del farmaco Ruxolitinib si è rivelato efficace nel curare alcune forme di alopecia areata. Lo studio americano ci mostra come alcuni pazienti abbiano registrato una ricrescita completa dei capelli grazie a questo farmaco. I ricercatori del Columbia University Medical Center (CUMC), sono riusciti a identificare le cellule immunitarie responsabili della distruzione follicoli capillari. In seguito, hanno ricercato un principio arrivo che potesse sopprimere le cellule immunitarie colpevoli della caduta dei capelli, ripristinando quindi la crescita della chioma.

Ciò ha funzionato su diversi pazienti, che hanno visto, grazie al Ruxolitinib, l’alopecia areata diminuire o sparire nel giro di qualche mese.

Tuttavia, gli effetti collaterali del medicinale, rendonoil suo uso molto contraddittorio, non si sa ancora se i benefici durino anche dopo che si è finita l’assunzione del farmaco. Inoltre, il Ruxolitinib non ha nessun effetto sulla alopecia androgenetica, la più comune. Per questo, non rappresenta una soluzione effettiva, a differenza del trapianto di capelli.

Richieda adesso un’analisi gratuita dei capelli dai nostri esperti


Richieda ora un’analisi dei Suoi capelli gratuita e senza impegno dai nostri esperti e scopra il prezzo del Suo trattamento individuale.

Elithairtransplant

Analisi gratuita dei capelli


Condividi questo post

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più sul tema

Trapianto Capelli