Assicurati la nostra offerta speciale! Solo per le prenotazioni a giugno, luglio e agosto! Offerta sicura!

il dr balwi delinea la zona donatrice del trapianto di capelli

4 cose di cui ha bisogno la zona donatrice dopo un trapianto di capelli

Nel periodo successivo al trapianto di capelli, l’area ricevente riceve molta attenzione. Ma che dire della zona donatrice dopo un trapianto di capelli? Anche questa deve essere curata? Di cosa bisogna prendersi cura?

In questo articolo ti mostreremo perché e come prendersi cura dell’area donatrice e quali sono le cinque cose di cui l’area donatrice ha più bisogno dopo il trapianto di capelli.

Cura corretta della zona donatrice dopo il trapianto di capelli


Come l’area ricevente, anche l’area donatrice necessita di cure speciali dopo l’intervento. Pertanto, dopo il trapianto di capelli, utilizzate solo i prodotti per la cura che vi verranno forniti dal nostro team. Questi non contengono sostanze irritanti che potrebbero causare irritazioni cutanee nella zona donatrice. È possibile lavare nuovamente i capelli dopo circa 2 giorni.

1. uno shampoo delicato e a pH neutro può aiutare.

Quando si ricomincia a lavare i capelli dopo due giorni, si deve usare uno shampoo delicato e a pH neutro. Lo shampoo migliore da usare è quello del Dr. Balwi, che potrete portare a casa dopo l’intervento. Si possono usare anche shampoo per bambini e shampoo a base puramente naturale, purché non contengano alcol.

2. massaggio leggero

A differenza della zona ricevente, è possibile lavare i capelli nella zona donatrice con leggeri massaggi e leggere pressioni. È quindi possibile applicare lo shampoo con leggeri movimenti circolari. Fate attenzione a non esercitare una pressione eccessiva sulla zona donatrice, che è molto sensibile dopo il trapianto di capelli.

3. acqua tiepida

Dopo aver applicato lo shampoo e averlo massaggiato, lavatelo con acqua tiepida. Poiché si tratta comunque di piccole lesioni del cuoio capelluto, è necessario assicurarsi che l’acqua troppo calda o lo sporco non raggiungano le aree in questione. La temperatura è particolarmente importante, poiché l’acqua troppo fredda o calda provoca dolore e quella troppo calda secca la pelle.

4. lozione

Anche dopo il lavaggio più delicato dei capelli, la zona donatrice è irritata e secca. Ora ha bisogno di idratazione sotto forma di lozione. Anche in questo caso, assicuratevi che questo prodotto sia il più delicato e naturale possibile. Dopo un trapianto di capelli da Elithair, riceverete un siero curativo da portare a casa, ideale per le esigenze della zona donatrice.

L’applicazione è molto semplice. Applicare delicatamente la crema e lasciarla in posa sulla zona donatrice per 10 minuti. Quindi risciacquare il prodotto con acqua tiepida. La lozione scioglie delicatamente le croste che si formano dopo l’intervento.

Perché la zona donatrice necessita di attenzione dopo il trapianto di capelli


Il trapianto di capelli lascia un segno anche nell’area donatrice. Con la tecnica FUE, l’ago cavo viene utilizzato per rimuovere le unità follicolari, che vengono poi inserite nell’area ricevente. A causa delle microlesioni provocate dall’ago cavo, anche la zona donatrice necessita di attenzione dopo il trapianto di capelli.

Nella maggior parte dei casi, dopo uno o due giorni si formano delle croste. Lo stesso vale per la zona ricevente. Una volta che queste si sono staccate, la guarigione della zona donatrice è completa entro il 15° giorno circa dall’intervento. Dopodiché si può tornare a lavare normalmente.

Durante la fase post trapianto di capelli non bisogna toccare le croste

Dopo la guarigione, è possibile trattare il cuoio capelluto come prima dell’intervento. Nel caso del metodo FUT, è stata rimossa una piccola striscia di pelle dalla nuca. Anche in questo caso, nei primi giorni dopo il trapianto di capelli si formerà una crosta. Durante il processo di guarigione, le aree interessate saranno soggette a prurito.

Si dovrebbe anche evitare di grattare le croste nella zona donatrice. Questo può prolungare il processo di guarigione o causare infezioni. Se sono stati applicati punti di sutura o graffette, questi possono essere rimossi dopo circa 10-14 giorni. Da quel momento in poi, la guarigione della ferita è completa.

Indossare un cappello


La pelle dell’area donatrice è irritata e forse leggermente infiammata dopo un trapianto di capelli. Dopotutto, i follicoli piliferi sono stati rimossi con migliaia di piccoli punti o incisioni.

Pertanto, quest’area deve essere protetta dalla luce solare diretta. La scelta del copricapo è estremamente importante. Non deve essere troppo stretto e non deve esercitare pressione sulla zona ricevente o donatrice dopo il trapianto di capelli.

È importante anche un materiale naturale e traspirante, come il cotone. Da Elithair, dopo l’intervento viene dato a ogni paziente un cappello da pescatore e una fascia per capelli, che vi prepareranno in modo ideale ai giorni e alle settimane successive.

Complicazioni nella zona donatrice dopo un trapianto di capelli


Dopo l’intervento possono verificarsi complicazioni anche nell’area donatrice:

Le irritazioni cutanee si verificano spesso quando si utilizzano prodotti per la cura della pelle troppo aggressivi. O anche se si raschiano via le croste prematuramente. Se si utilizzano la lozione e lo shampoo Dr. Balwi, si pulisce delicatamente il cuoio capelluto e le croste cadono da sole. È possibile prevenire al meglio le infezioni non toccando troppo spesso l’area donatrice.

Si raccomanda inoltre di toccarla solo con le mani appena lavate. Inoltre, un ambiente pulito e preferibilmente privo di polvere garantisce la prevenzione delle infezioni dopo l’intervento.

il Dr. Balwi spiega a un paziente di Elithair la procedura post trapianto di capelli

Nell’area donatrice, anche i capelli circostanti possono soffrire a causa del trapianto di capelli. Ciò può provocare il cosiddetto “shock loss“. Ciò significa che anche i capelli circostanti l’area donatrice possono cadere. Tuttavia, nella maggior parte dei casi questa perdita di capelli è reversibile.

Una volta che il cuoio capelluto si è calmato dopo l’intervento, i capelli caduti ricresceranno. In alcuni casi, tuttavia, possono essere necessari fino a circa sei mesi per la ricrescita di tutti i capelli. È possibile sostenere la crescita dei capelli nell’area donatrice con i giusti prodotti per la cura, in modo che i capelli ricrescano più velocemente e che si abbia di nuovo una capigliatura completa nell’area donatrice.

Conclusioni


Dopo un trapianto di capelli, l’attenzione si concentra solitamente sull’area ricevente. Ma anche la zona donatrice ha bisogno di molta attenzione e di cure intensive. Non trascuratela!

Durante il lavaggio dei capelli, assicuratevi di usare uno shampoo delicato e a pH neutro e utilizzate una lozione nutriente per idratare la zona. Lasciate che anche la zona donatrice guarisca. Lavare l’intera testa solo con acqua tiepida per evitare di irritare ulteriormente il cuoio capelluto.

Quando ci si asciuga, bisogna fare attenzione a non esercitare troppa pressione e a non sfregare la zona donatrice. Si consiglia inoltre di indossare un copricapo. Non deve essere troppo stretto. Un cappello da pescatore è la soluzione migliore. Inoltre, bisogna evitare di grattare le croste per evitare che si stacchino prematuramente e che si verifichi un rischio di infezione.

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.