AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

l'alopecia cicatriziale causa la perdita dei capelli intorno a una cicatrice

Alopecia cicatriziale: riconoscerla e trattarla

L’alopecia cicatriziale è una delle forme di calvizie più rare. Si manifesta sotto forma di danni meccanici ai follicoli piliferi, i quali vengono soppiantati e sostituiti da tessuto cicatriziale. Questo problema può verificarsi dopo lesioni e ustioni oppure in seguito a infezioni virali, batteriche o fungine, accompagnate da infiammazione dei tessuti e successive cicatrici.

Cos’è l’alopecia cicatriziale?


L’alopecia cicatriziale è un disturbo caratterizzato da una rapida perdita di capelli che presenta dei sintomi diversi. Può assumere delle forme diverse tra di loro e manifestarsi come una malattia o come il sintomo di un problema più complicato.

Le alopecie cicatriziali si possono dividere, a seconda della causa da cui sono scatenate, in due modi:

  • alopecie cicatriziali primarie;
  • alopecie cicatriziali secondarie.

Nelle primarie, la causa è interna. Si tratta, di solito, di un’infiammazione che attacca il follicolo pilifero e lo distrugge. Nelle secondarie la causa è esterna. Può essere un trauma, un’infiammazione, una ferita, un’ustione o una cicatrice sulla nuca dopo un trapianto di capelli FUT.

Gli esperti, in base al tipo di alopecia cicatriziale, fanno questa divisione:

  • follicolite eosinofila;
  • panniculite;
  • forme follicolari di licheni a pelo piatto;
  • follicolite sicosiforme;
  • pseudopelade di Brock.

Tutte le forme di alopecia cicatriziale hanno, però, un’importante cosa in comune. Esse, infatti, causano la distruzione definitiva del follicolo pilifero, seguita dalla sua sostituzione con tessuto cicatriziale.

Riconoscere l’alopecia cicatriziale


Quasi tutte le forme di alopecia cicatriziale hanno lo stesso inizio. Sulla testa compaiono piccole chiazze di pelle su cui i capelli smettono di crescere in maniera improvvisa. Nel tempo, nella maggior parte dei casi, le chiazze tendono a espandersi e a occupare delle zone sempre più ampie.

Alcune forme di alopecia cicatriziale si sviluppano in maniera molto lieve. I capelli cadono a poco a poco, in quantità ridotta e senza presentare altri sintomi . Altre, al contrario, hanno dei segni evidenti. Questi possono essere bruciore, prurito o la comparsa di irritazioni sulla pelle.cuoio capelluto di un paziente affetto da alopecia cicatriziale

Come appare il cuoio capelluto affetto da alopecia cicatriziale?


La pelle dello scalpo su cui si trova del tessuto cicatriziale è spesso molto diversa da quella coperta di peli. Ha un bordo ruvido, pallido o arrossato, che può diventare del tutto liscio o iniziare a staccarsi. Inoltre, alcune forme di alopecia cicatriziale causano la comparsa di pustole nella zona in cui si verifica la caduta dei capelli.

I sintomi delle fasi iniziali dell’alopecia cicatriziale, in genere, sono trascurabili e, inoltre, sono molto diversi tra di loro. Di conseguenza, per poter determinare la presenza di follicoli distrutti, di tessuto fibroso o di potenziali focolai di infiammazioni, si deve eseguire una biopsia cutanea sulle aree colpite dal problema.

Trattare l’alopecia cicatriziale


Terapia a base di farmaci


Le terapie a base di farmaci per il trattamento dell’alopecia cicatriziale hanno tutte lo stesso scopo. Queste, infatti, non puntano alla ricrescita dei capelli, ma a bloccare le cicatrici ed eliminare i follicoli piliferi rovinati. Si può direi che tutto il trattamento cerca di prevenire lo sviluppo della malattia o, quando è possibile, eliminare la sua causa.

Questi tipi di terapie, di solito, sono indicate per dei pazienti con una calvizie causata da infiammazioni o da infezioni. In tal caso, si usano dei farmaci antifungini, antinfiammatori o antibiotici. Se la perdita dei capelli è causata da un disturbo autoimmune, il medico prescrive dei farmaci immunomodulanti che indeboliscono il sistema immunitario.

Intervento di chirurgia


Dopo aver agito in maniera clinica sulla causa della caduta dei capelli, è possibile rimuovere la cicatrice con un intervento di chirurgia. Le soluzioni possibili possono essere il trapianto di capelli, il trapianto di cuoio capelluto, la rimozione della cicatrice e lo stiramento della pelle sana vicina.

Queste procedure aiutano a nascondere i fastidiosi segni e le macchie di pelle causate dall’alopecia cicatriziale. Inoltre, effettuare un trapianto di capelli FUE non solo risolve il problema della calvizie, ma permette anche di nascondere le cicatrici.dei medici effettuano un trapianto di capelli per correggere l'alopecia cicatriziale

Il trapianto di capelli su cicatrice


Il trapianto di capelli su cicatrice è il metodo più indicato per ripristinare i capelli in seguito a cicatrici di natura traumatica. Il chirurgo rimuove delle aree limitate di pelle e impianta a una a una le unità follicolari da rigenerare.

La dimensione di queste zone, di solito, misura tra gli 1,5 e i 2 mm di diametro. Al posto di una ferita grande e visibile, ci saranno, però, solo dei piccoli puntini che saranno quasi invisibili. 

Come avviene l’intervento?

Nella tecnica FUE gli innesti possono essere rimossi in due modi diversi.

  • FUE meccanica: gli innesti sono rimossi con un apparecchio robotico o un trapano a percussione rotante. 
  • FUE manuale: il chirurgo esegue la procedura a mano con l’aiuto di incisioni o per mezzo di impianti speciali. 

Conclusioni


L’alopecia cicatriziale è una forma di calvizie poco comune, ma molto fastidiosa. Intorno a una cicatrice, causata da una malattia o da un trauma esterno, si assiste a una crescente perdita di capelli. Questo problema presenta dei sintomi così vari che, in molti casi, è molto difficile fare una diagnosi.

Oggi, ci sono due modi principali per trattare l’alopecia cicatriziale. Il primo è la terapia a base di farmaci e riguarda, in genere, una calvizie le cui cause sono di natura infiammatoria o infettiva. I farmaci, cercano di prevenire il problema o di eliminare le sue possibili cause. Il secondo tipo si basa, invece, sulla rimozione chirurgica della cicatrice.

Quando si parla di intervento di chirurgia, invece, la scelta migliore è quella del trapianto di capelli con la tecnica FUE. Infatti, grazie a questo tipo di operazione, si riuscirà a risolvere, una volta per tutte, il problema della perdita dei capelli e a nascondere anche il segno della cicatrice.   

No Comments yet!

Your Email address will not be published.