Dopo quanto tempo ricrescono i capelli trapiantati?


Quante unitá follicolari ti servono?

✔ 99% Pazienti soddisfatti
✔ 100% Fiducia
✔ Recensioni Top
Consulenza gratuita

Dopo quanto tempo ricrescono i capelli trapiantati?

Dopo quanto tempo ricrescono i capelli trapiantati? Questa è una delle domande più frequenti da parte dei nostri pazienti durante la prima consulta con i nostri specialisti. Da 10 anni accogliamo pazienti da ogni parte del mondo, e ognuno di loro, vuole giustamente conoscere  le tempistiche necessarie alla ripresa.


Quando ricresceranno i miei capelli trapiantati?

I capelli trapiantati ricrescono con delle tempistiche particolari. La procedura di trapianto di capelli è di tipo chirurgico, e come tale necessita di un certo periodo di tempo per una guarigione completa e per la crescita di nuovi capelli. Il trapianto di capelli FUE è una procedura chirurgica che prevede l’estrazione dei bulbi piliferi da una zona donatrice, generalmente la nuca, per impiantarli in una zona ricevente, cioè la zona calva. Le unità follicolari della nuca sono le più forti e resistenti dell’intero scalpo, e per questo motivo vengono utilizzate per essere trapiantate nelle zone colpite da alopecia.

L’alopecia androgenetica, infatti, raramente colpisce la nuca. Al contrario, sia per uomini che per donne, le zone più colpite sono la zona fronto-temporale e la chierica. Un lieve diradamento può trasformarsi gradualmente in una grave calvizie estesa anche nelle zone del vertice e dei lati. In questo articolo vogliamo illustrarle dopo quanto tempo ricrescono i capelli trapiantati, senza promuovere risultati miracolosi. Solo in casi eccezionali i capelli trapiantati possono ricrescere già dopo 3 mesi dall’intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi, i primi risultati iniziano a vedersi dai 6 ai 12 mesi. Altre volte bisogna attendere ben 18 mesi.

Qual è il ciclo di ricrescita dei nuovi capelli?

Non bisogna andare di fretta: i capelli trapiantati ricrescono dopo un periodo di almeno 6 mesi. I follicoli iniziano il lento ciclo di ricrescita dopo tre settimane dall’intervento chirurgico, dove, nella prima fase, i capelli ricrescono sottoforma di peli molto sottili. Infatti, appena l’innesto si stabilizza nella sua nuova zona, i capelli nascono prima uno per ciascuna unità follicolare, per poi aumentare gradualmente, fino a completare il ciclo naturale di ricrescita. Con il passare dei mesi i capelli continueranno a crescere sempre più forti e folti.

Per questo motivo, nonostante l’attesa per vedere i risultati definitivi, saranno i risultati a premiarla. Il trapianto di capelli FUE rappresenta un cambiamento radicale per l’aspetto estetico della persona, ma per quello psicologico e sociale. Infatti, una volta che i capelli trapiantati saranno ricresciuti, il risultato sarà definitivo e permanente. Poiché sono prelevati dallo stesso paziente, si scongiurano le possibilità di rigetto dei capelli trapiantati; inoltre, poiché questi sono stati prelevati da una zona donatrice che non è affetta da alopecia androgenetica, avranno grandi possibilità di crescere sani e forti.

i capelli trapiantati ricrescono dopo 6 mesi

Fasi della ricrescita dei capelli trapiantati

Sappiamo che i capelli hanno un ciclo prestabilito di crescita e che questa, in media, è di un centimetro al mese. In particolare le fasi della crescita sono tre:

  • Fase di crescita – Anagen
  • Fase di transizione – Catagen
  • Fase di riposo – Telogen

Durante la prima fase, che può durare dai tre anni ai sette anni, i bulbi iniziano a formarsi e ingrandirsi fino allo sviluppo del capello che, alla fine della fase anagen, raggiunge il cosiddetto colletto pilifero. A questo punto i capelli trapiantati ricrescono velocemente e in maniera costante. Nella seconda fase, il capello si indebolisce e inizia la sua fase degenerativa. A questo punto si prepara per la terza fase, talogen, che è la fase in cui cade e il follicolo si prepara alla ricrescita di nuovi capelli.

Coadiuvare i capelli trapiantati a ricrescere: Elithairtransplant offre il trattamento PRP

Il trattamento PRP, ovvero il plasma arricchito di piastrine, è una preparazione autologa, ossia un materiale sicuro e senza rischi di trasmissione di patologie o infezioni. Attraverso questo trattamento, viene prelevato del sangue dalla testa del paziente, in seguito esso viene centrifugato per poi essere inettato nella cute della testa del paziente. Questa metodica è molto diffusa in ambito sportivo e impiegata nella traumatologia dello sport, soprattutto da calciatori e giocatori di baseball e football americano.

Viene effettuato un prelievo di sangue; il sangue viene messo in una centrifuga al fine di separare i globuli rossi e bianchi dalla parte liquida (plasma) dove si trovano le piastrine. Prelevata la componente liquida, si aggiunge una soluzione che determina la rottura delle piastrine per realizzare la liberazione dei granuli in esse contenuti, quindi si procede all’iniezione intradermica con tante piccole infiltrazioni nell’area interessata. Trattandosi di materiale prelevato dall’organismo stesso, non ci saranno effetti collaterali, né reazioni allergiche o infezioni di alcun tipo. Il trattamento PRP è incluso nel prezzo del trapianto di capelli presso la clinica Elithairtransplant. I capelli trapiantati ricrescono in maniera forte e molto più velocemente, attraverso questo trattamento!

I vantaggi del trattamento PRP per i giovani

Per i pazienti giovani, il trattamento ha maggior successo poiché si hanno maggiori probabilità di aumentare il numero delle unità follicolari. Il PRP è un battericida. Inoltre, trattandosi di una terapia autologa, il rischio di infezioni è nullo. Tende invece ad aumentare il livello dei leucociti (globuli bianchi) che combattono le infezioni. Il paziente si dovrà attendere l’inizio della ricrescita entro 2/3 mesi dalla prima seduta. Una lieve caduta del capello è presente nei successivi 6 mesi. Ma è tutto normale! L’iniezione diretta del PRP nel trapianto di capelli assicura una guarigione molto rapida e una crescita dei capelli sana e voluminosa.

A cosa fare attenzione nel periodo di convascenza dopo il trapianto di capelli?

Al termine delle procedure la zona si presenta arrossata, ma è possibile riprendere le proprie attività nel giro di pochissimi giorni. La convalescenza dopo il trapianto di capelli è un momento fondamentale e ci sono delle regole molto strette da seguire. Ecco gli accorgimenti principali:

  • L´alimentazione: I primi 3 giorni dopo il trapianto di capelli, il consumo di sale non è raccomandato. Si consiglia di bere almeno 3 litri di acqua al giorno.
  • I massaggi: Dopo l´operazione è importante massaggiare la fronte, se possibile sopra l’orecchio fino alla parte posteriore della testa procedendo a V dal centro della fronte verso la nuca.
  • La fascia: verrà fatta indossare il 2° giorno dopo l’operazione. Si prega di indossarla costantemente per 3 giorni durante il giorno. Di notte dovrebbe abbassarla fino al collo. La terza notte, bisogna abbassare la fascia fino al collo e tagliarla.
  • La zona donatrice: L’area donatrice di solito si rigenera entro 6-12 mesi. Durante questo periodo, dovrebbe lasciar crescere i capelli della zona donatrice per più di 1 cm, in modo che la differenza tra i capelli prelevati e quelli non prelevati non sia visibile. La differenza nell’area donatrice potrebbe essere ancora visibile dopo un anno, se i capelli vengono tenuti troppo corti.

Il fattore più importante per la ricrescita dei capelli trapiantati: il lavaggio della testa

Un fattore fondamentale è il lavaggio dei capelli. Seguire tutte le indicazioni date nel video del Dott. Balwi per il lavaggio post trapianto di capelli, è fondamentale. Il dottor Balwi, inoltre, ha  creato il suo personale shampoo anti-caduta che nutre i capelli con molte sostanze nutritive come la Biotina, l’Aloe Vera, la Caffeina, l’estratto di luppolo e molte altre componenti naturali. Per i capelli trapiantati è molto importante essere nutriti, così come è fondamentale non lavare i capelli con shampoo che contengono profumi, parabeni o altri additivi chimici, che potrebbero risultare troppo aggressivi per il cuoio capelluto in una fase così delicata.

I capelli trapiantati ricrescono come quelli normali?

I capelli trapiantati, dopo aver compiuto il ciclo di ricrescita naturale, saranno uguali a quelli non trapiantati. Trattandosi di un autotrapianto, i capelli innestati cresceranno esattamente come erano prima dell’intervento, ossia lisci o mossi, piuttosto che ricci e dello stesso colore. Questi saranno soggetti, allo stesso modo degli altri capelli, all’avanzare del tempo; per cui se si è geneticamente predisposti, potranno diventare bianchi. In ogni caso, se si desidera, i capelli trapiantati possono essere tinti. Una cosa è sicura: i Suoi capelli ricresceranno sani, folti e forti e avranno un effetto completamente naturale. Basta poco per iniziare una nuova vita, senza insicurezze e senza più disagi.

Combattere la calvizie si può, con Elithairtransplant e il Dott.Balwi!

Richieda adesso un’analisi gratuita dei capelli dai nostri esperti


Richieda ora un’analisi dei Suoi capelli gratuita e senza impegno dai nostri esperti e scopra il prezzo del Suo trattamento individuale.

Elithairtransplant

Analisi gratuita dei capelli


Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maggiori informazioni sull'argomento

Trapianto Capelli