AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

fare sesso fa cadere i capelli?

Fare sesso fa cadere i capelli?

Spesso si sente affermare che una vita sessuale intensa possa avere un effetto negativo sulla salute dei nostri capelli. Alcuni arrivano addirittura a sostenere che l’attività sessuale sia una delle concause di una precoce calvizie. È vero? C’è davvero un legame tra sessualità e capelli? Proviamo a esaminare la questione e di valutare se si tratta di un falso mito o se vi è un fondo di verità.

Indice dell’articolo


  1. Fare troppo sesso fa cadere i capelli?
  2. Quali sono le differenze tra sesso e masturbazione e quale il rapporto tra sessualità e caduta capelli?
  3. L’attività sessuale fa bene alla salute: non c’è diretta correlazione tra sesso e caduta capelli
  4. La masturbazione fa cadere i capelli?
  5. Farmaci anti-calvizie e attività sessuale

Fare troppo sesso fa cadere i capelli?

Sesso e caduta capelli. Chi avrebbe mai pensato, che potesse esistere una correlazione tra un’attività sessuale vivace e la caduta dei capelli?

Tutta la riflessione che viene fatta in merito al possibile effetto negativo di un’attività sessuale troppo frequente o prolungata sulla qualità dei capelli, parte dal presupposto che questa modifichi o alteri la normale attività ormonale che regola anche il ciclo di vita del capello. È un fatto che, nella popolazione maschile, il raggiungimento del piacere sessuale e il conseguente atto dell’eiaculazione inneschino un aumento nella produzione di testosterone.

Questo potrebbe far supporre un analogo incremento di conversione dell’ormone nel suo metabolita DHT che, come ben noto, è uno dei processi primariamente responsabili della calvizie, poiché si lega ai bulbi piliferi e ne inibisce lo sviluppo.

Prima di capire se questa affermazione corrisponda a verità o sia soltanto una diceria, è bene fare una distinzione tra attività sessuale (quindi sesso con il proprio partner) e masturbazione (ossia l’autoerotismo) e gli effetti di questi sui nostri capelli.

Secondo il Professore Steen Köhler, della Facoltà di Medicina di Springfield, negli Stati Uniti, queste due attività (sesso e masturbazione) hanno degli effetti totalmente diversi sul nostro organismo, sia sulla salute, che sugli ormoni che vengono prodotti durante l’una o l’altra attività.

Quali sono le differenze tra sesso e masturbazione e quale il rapporto tra sessualità e caduta capelli?

due persone fanno sesso ma non causa caduta capelli

Secondo il professor Steen Köhler, il nostro corpo reagisce molto diversamente nel sesso e nella masturbazione. Mentre il sesso comporta di solito intimità, comunicazione col partner, passione e – nel migliore dei casi – amore, la masturbazione è più un atto d’amore personale, e viene svolta – la maggior parte delle volte – in solitaria.

Il sesso ha diversi benefici sulla salute tra cui:

  • Migliora la pressione del sangue;
  • Benefici all’attività del cuore;
  • Coaudiuva una migliore circolazione sanguigna;
  • Fa bene all’umore;
  • Allevia i dolori;
  • Agevola il sonno.

Il sesso, a differenza della masturbazione, è un’attività che ci coivolge emotivamente. È questa la differenza: Il Prof. Köhler sottolinea come il nostro corpo sia soggetto, per quanto riguarda la secrezione endocrina, al nostro stato emotivo. Anche la produzione del seme è diversa quando ci si masturba e quando si fa sesso.

L’attività sessuale fa bene alla salute: non c’è diretta correlazione tra sesso e caduta capelli

Il Professore ci illustra come l’attività sessuale, anche intensa non comporti caduta capelli. L’attività sessuale fa bene al corpo e allo spirito e non ha alcuna conseguenza sui nostri follicoli. La risposta al quesito se il sesso possa in qualche modo nuocere alla salute dei nostri capelli è dunque negativa: anzi, una regolare attività sessuale, proprio perché stimolante e appagante, tende a garantire più benefici che problemi al nostro organismo, sia da un punto di vista fisiologico sia in una prospettiva psico-somatica.

Il rilascio di ossitocina, endorfine e dopamine durante il sesso riduce lo stress e procura una generale sensazione di benessere, fattori che, specie nei casi di alopecia non androgenetica, possono migliorare la salute del nostro cuoio capelluto. Il sesso ha effetti positivi anche sulla circolazione sanguigna perciò, anche se indirettamente, favorisce il nutrimento dei follicoli. Astenersi dal sesso, pensando di preservare maggiormente la nostra capigliatura, dunque non è solo inutile, ma probabilmente anche sconsigliabile.

La masturbazione fa cadere i capelli?

Uno studio scientifico pubblicato sulla rivista di medicina dell’Istituto Nazionale della salute degli Stati Uniti, ha rilevato come dopo l’orgasmo a seguito della masturbazione i livelli di DHT aumentino, mentre un livello più alto di testosterone viene prodotto nella prostata e nei testicoli. Parte di questo testosterone verrà poi convertito in DHT. Sono stati misurati i livelli di DHI prima e dopo la masturbazione; dopo i livelli erano senbilmente aumentati. Tuttavia non si può affermare che ci sia una correlazione diretta tra masturbazione e caduta dei capelli. Per arrivare a un danneggiamento dei follicoli dovuto a alti livelli di DHI bisognerebbe masturbarsi 4/5 volte al giorno 7 giorni su 7.

Farmaci anti-calvizie e attività sessuale

Possiamo addirittura ribaltare la questione affrontandola da un punto di vista completamente opposto: capire cioè se, in contesti di terapia contro la caduta dei capelli si possono riscontrare problemi a livello sessuale. È appurato, infatti, che alcune sostanze utilizzate abitualmente nelle terapia anti-calvizie comportino, tra i più frequenti effetti collaterali, problemi che interessano la sfera dell’attività sessuale. I disturbi più comuni sono impotenza o calo del desiderio.

In particolare l’uso della Finasteride o del Minoxidil ha conclamati effetti sulla funzionalità erettile e sul calo del desiderio. Questo non è il solo disagio: gli effetti collaterali sul corpo sono molteplici. Inoltre, lo svantaggio maggiore di questi farmaci è che il loro effetto è circoscritto al periodo di assunzione del farmaco: in parole semplici, una volta terminata la cura, i capelli cadranno di nuovo con molta probabilità e si tornerà alla situazione di calvizie iniziale. Per questo, sono molti gli uomini e le donne che hanno deciso di optare per un trapianto di capelli, ad oggi l’unica soluzione capace di regalare dei risultati duraturi e godibili.

Combattere la calvizie si può, col Dott.Balwi e il Team di Elithair!