Seleziona una pagina
le nuove tecniche del trapianto di capelli

Le nuove tecniche del trapianto di capelli


Quante unitá follicolari ti servono?

✔ 99% Pazienti soddisfatti
✔ 100% Fiducia
✔ Recensioni Top
Consulenza gratuita

Trapianto di capelli: quali sono le nuove tecniche? La calvizie è una condizione che colpisce ogni anno milioni di persone, quindi sono molti gli esperti tricologi che si impegnano per trovare soluzioni sempre più efficaci. Dalla tecnica FUE alla DHI fino all'uso delle cellule staminali. Quali sono i pro e i contro di questi differenti approcci tricologici?

Trapianto di capelli, nuove tecniche: le cellule staminali

Il trapianto di capelli ha nuove tecniche rispetto al passato. Vent’anni fa, la metodologia di trapianto capelli più quotata era la tecnica di autrapianto di capelli FUT o STRIP, oggi la ricerca ha fatto molti progressi. I pazienti oggi, non devono più  sottoporsi a interventi lunghi e dalla convalescenza faticosa, ma hanno la possiblità di risolvere i loro problemi di calvizie in maniera molto più semplice. Una della nuove tecniche per trapianto di capelli è quella che usa le cellule staminali.

Le cellule staminali sono cellule allo stato primitivo che sono in grado di svilupparsi e differenziarsi nei diversi tipi di cellule dell’organismo. Qual è il grandissimo vantaggio del loro uso? Gli organismi adulti traggono beneficio da queste cellule, in quanto sono in grado di riparare alcuni tessuti del corpo, reintegrandoli.

Come funziona un autotrapianto di cellule staminali?

L’intervento di trapianto di capelli con cellule staminali, consiste nel prelevare un determinato numero di cellule dei capelli che si trovano nell’area donatrice. Si procede poi con la clonazione dei capelli estratti e il successivo impianto. Ecco il processo nel dettaglio:

  • Grazie all’utilizzo di un ago si procede alla raccolta di alcune parti di follicoli piliferi nella zona donatrice. Si lascia una parte di ciascuno dei bulbi anche nell’area donatrice, in modo che i capelli possano continuare a crescere forti e sani a partire dalla parte di bulbo rimasta intaccata. Le cellule rimaste sono qui in grado di riprodursi e tornare alla condizione iniziale, reintegrando il bulbo;
  • Si procede con la moltiplicazione di esse in laboratorio, in maniera illimitata e in base alle necessità del paziente;
  • I nuovi bulbi clonati verranno impiantati nella zona ricevente. Dal momento che il follicolo pilifero viene estratto con un ago molto fine, questo metodo ha il vantaggio che i Grafts risultano essere molto più piccoli rispetto alle tradizionali tecniche di trapianto di capelli;
  • In poche settimane i capelli ricominceranno a crescere sia nella zona donatrice, che in quella ricevente.

il trapianto di capelli con cellule staminali

I risultati del trapianto di capelli con le cellule staminali

Il risultato finale sarà visibile dopo un ciclo completo di crescita dei capelli, che dura circa 9 mesi. Il vantaggio di un trapianto con cellule staminali sta nella metodologia poco invasiva, oltre che nella possibilità di raggiungere un’alta densità dei capelli grazie alle minuscole dimensioni dei Grafts.

I trattamenti con le cellule staminali rientrano nei temi discussi nei corsi di aggiornamento del nostro specialista tricologo Dott. Balwi, che riconosce i vantaggi legati a questa tecnica, ma mette in guardia in merito ai rischi dell’uso delle cellule staminali. Il trapianto di capelli con nuove tecniche, non sempre garantisce una maggiore riuscita. Le cellule impiantate potrebbero, infatti, “impazzire” quindi mal funzionare e causare danni ancora maggiori. Questa tecnica all’avanguardia è ancora in corso di sviluppo e di perfezionamento per migliorarne appunto le condizioni di sicurezza.

Problematica che non si riscontra con le altre due tecniche più moderne e garantite da anni di esperienza e buoni risultati: la FUE (Follicular Unit Extraction) e la DHI (Direct Hair Implant).

Analisi gratuita dei capelli

Gratuita e senza impegno

La tecnica microfue

La nuova tecnica di trapianto di capelli con le cellule staminali ha molto potenziale, ma non ha ancora raggiunto il successo e la notorietà della microfue, una tecnica un po’ meno recente, ma riconosciuta a livello internazionale. Questa grande novità nel mondo della tricologia si colloca intorno agli anni 2000, quando il metodo di autotrapianto microfue sbaraglia la vecchia tecnica FUT, dimostrando che è possibile combattere la calvizie senza dover riportare cicatrici.

La tecnica FUT consiste, infatti, nell’estrazione delle unità follicolari da una losanga di pelle prelevata dalla nuca del paziente. La microfue, al contrario, preleva i Grafts dal cuoio capelluto, ma senza dover tagliare e ricucire lo scalpo del paziente. Un’enorme innovazione che permette, non solo di tutelare la zona donatrice, ma anche di rimuovere a livello visivo le cicatrici lasciate da un precedente trapianto FUT. Dopo la fase di estrazione, l’impianto segue la stessa procedura per entrambi i metodi, quindi vengono aperti i micro-canali in cui si vanno poi a impiantare i bulbi estratti.

Trapianto di capelli: nuove tecniche in costante miglioramento

La ricerca in campo tricologico ha l’obiettivo preciso di fornire al paziente la più grande soddisfazione possibile e ha raggiunto questo scopo grazie all’autotrapianto con microfue. Per prima cosa vi è stato il perfezionamento della strumentazione, con l’introduzione di bisturi in zaffiro, che garantisce una maggiore densità e precisione di estrazione e impianto dei Grafts. Un’altra evoluzione consiste nella tecnica DHI, ancora meno invasiva dell’autotrapianto di capelli con tecnica FUE. Grazie a uno strumento particolare, detto Penna Choi Implanter, è possibile by-passare la fase di apertura dei microcanali per l’impianto delle unità follicolari.

In parole povere, i Grafts vengono estratti dalla zona donatrice, per poi essere direttamente impiantati con l’implanter pen, nella zona ricevente. Lo strumento penna choi, permette in una sola mossa l’apertura e l’inserimento dei Grafts. Questo implica non solo una maggiore densità di capelli e un effetto più naturale, ma anche – data la minore manipolazione dei tessuti del cuoio capelluto – minori disagi post-operatori.

La nuova tecnica tricologica di Elithairtransplant: il trapianto di capelli SDHI

Noi di Elithairtransplant abbiamo pensato di combinare le due metodologie di trapianto capelli migliori per brevettare la nostra personale procedura: la tecnica SDHI. Il Dott.Balwi voleva trovare una soluzione orientata il più possibile alle esigenze del cliente. Per questo ha brevettato questo metodo combinato, che viene offerto in esclusiva soltanto nella nostra clinica per trapianto di capelli in Turchia.

Al fine di fornire un effetto più naturale e garantire una maggiore densità nella parte della stempiatura, nelle prime tre file dell’attaccatura dei capelli (circa 700 innesti) viene usata la tecnica FUE e quindi si procede all’apertura dei microcanali, utilizzando il bisturi con lame in zaffiro. Successivamente, dopo circa 0,5 – 1 cm, si continua con il metodo DHI classico, ossia gli innesti vengono trapiantati direttamente dopo la loro estrazione, attraverso l’utilizzo dell’implanter.

In questo modo i follicoli piliferi sono separati dal loro naturale apporto di nutrienti  per un tempo molto breve, il che promette un tasso di crescita significativamente più alto. Inoltre, nella nostra clinica viene usato il metodo percutaneo per l’apertura dei canali. Grazie alle lame in zaffiro si possono aprire i microcanali a forma di “V” e non di “U”. Questo fattore permette non solo una maggiore densità e un effetto più naturale, ma anche di trapiantare più Grafts per cm quadrato: da 90 a 120 follicoli.

Combattere la calvizie si può, col Dott.Balwi e il team di Elithairtransplant!

Richieda adesso un’analisi gratuita dei capelli dai nostri esperti


Richieda ora un’analisi dei Suoi capelli gratuita e senza impegno dai nostri esperti e scopra il prezzo del Suo trattamento individuale.

Elithairtransplant

Analisi gratuita dei capelli


Condividi questo post

1 commento

  1. Luigi

    Vorrei sapere se si può e dove fare una visita e un recapito

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più sul tema

Trapianto Capelli