un uomo preoccupato osserva la sua alopecia androgenetica

Alopecia androgenetica: cause e soluzioni

L’alopecia androgenetica, detta anche calvizie comune, è problema abbastanza frequente che colpisce soprattutto gli uomini, ma anche le donne ne possono soffrire.

Quali sono le cause di questo problema e quali sono i possibili rimedi? In questo articolo troverà tutto quello che c’è da sapere sul tema dell’alopecia androgenetica!

Che cos’è l’alopecia androgenetica?


L’alopecia androgenetica, detta anche calvizie comune, è la causa più frequente della caduta dei capelli. Questo problema colpisce la metà degli uomini e circa una donna su cinque in tutto il mondo.

Si tratta della progressiva miniaturizzazione del bulbo pilifero che, atrofizzandosi, finisce per morire. La sua morte ha come conseguenza la caduta dei capelli in alcune zone della testa.

Non si conoscono ancora le cause dell’alopecia androgenetica, ma pare che queste siano legate a dei fattori genetici ed ereditari. Inoltre, questo tipo di calvizie colpisce gli individui in maniera molto diversa e, quindi, non è possibile trovare un rimedio che vada bene per tutti

Sintomi dell’alopecia androgenetica


Il processo della perdita dei capelli a causa dell’alopecia androgenetica segue sempre lo stesso schema. Questo, però, non è uguale per gli uomini e le donne.

  • Uomini: i capelli diventano sempre più sottili nella parte davanti della testa. La perdita dei capelli parte dalla fronte e dalle tempie e si crea la cosiddetta stempiatura. In seguito, la caduta dei capelli si estende a tutta la parte superiore della testa.
  • Donne: la perdita dei capelli è più estesa e parte dalle zone centrali della testa. Non c’è, però, un arretramento dell’attaccatura. Inoltre, la calvizie femminile, si manifesta in età più tarda rispetto a quella degli uomini.

Cause dell’alopecia androgenetica


In realtà, gli scienziati non hanno ancora scoperto con precisione quale sia la causa dell’alopecia androgenetica. Questa, a quanto pare, sembra essere legata alla genetica, ma non sono da escludere neanche le malattie o anche dei fattori esterni.le cause dell'alopecia androgenetica possono essere dovute a fattori genetici, patologici o esterni

Genetica


Si pensa che la causa dell’alopecia androgenetica sia dovuta, in primo luogo, all’azione dell’enzima 5alfa-reduttasi. A causa dell’azione di questo enzima, il testosterone si trasforma nel suo derivato chiamato diidrotestosterone o DHT.

Questo ormone, a quanto pare, sarebbe il principale responsabile dell’alopecia androgenetica. Infatti, il DHT altera il normale ciclo di vita dei capelli e la loro fase anagen, cioè quella di crescita, diventa più corta. Al contrario, la fase telogen, quella di caduta, diventa molto più veloce.

In tal modo, i capelli diventano sempre più sottili e, in seguito, cominciano a cadere. Allo stesso tempo, si assiste alla progressiva miniaturizzazione del bulbo pilifero che prima si atrofizza e poi, in seguito, muore. I capelli, di conseguenza, non cresceranno più.

Patologie


Oltre alla causa genetica che abbiamo elencato di sopra, ci sono anche delle patologie che possono scatenare l’alopecia androgenetica.

  • Cattivo funzionamento delle ghiandole endocrine che regolano il ciclo di vita dei capelli.
  • Disturbi legati alla tiroide che creano degli squilibri ormonali che causano la perdita dei capelli.
  • Malattie che colpiscono l’ipofisi e alterano la stimolazione degli ormoni.

Altre cause


Le altre possibili cause della perdita dei capelli sono connesse allo stile di vita che si segue, all’ambiente che ci circonda, ma anche a delle particolari condizioni emotive e psicologiche. 

  • Reazioni psicofisiche: delle situazioni di forte stress, soffrire di depressione o subire dei traumi, influenzano gli ormoni. Questo cambiamento a livello degli ormoni, può causare la perdita dei capelli.
  • Assunzione di farmaci: alcune cure a base di farmaci possono influenzare o cambiare il modo in cui gli organi del corpo funzionano e causare l’alopecia androgenetica.
  • Ferite o malattie del cuoio capelluto: certe malattie o danni alla cute della testa, possono causare la perdita dei capelli.
  • Ambiente non sano: l’inquinamento ambientale e quello atmosferico possono indebolire il capello fino a farlo cadere.
  • Dieta non bilanciata: i capelli, per essere sani e forti, hanno bisogno di determinate proteine, vitamine e aminoacidi.

Rimedi all’alopecia androgenetica


In genere, i possibili rimedi per l’alopecia androgenetica possono essere di due tipi.

Trapianto di capelli


Un possibile rimedio, è il trapianto di capelli con la tecnica Zaffiro o DHI. In realtà, questo è l’unico modo che potrebbe sconfiggere il problema dell’alopecia androgenetica una volta per tutte. Si tratta di un intervento non molto complicato, poco invasivo e dalla guarigione molto rapida.

Un team di medici esegue un trapianto di capelli FUE

I capelli sono presi dal paziente stesso e, quindi, il rischio di rigetto è molto basso. Inoltre, non rimarranno delle grandi cicatrici, ma solo dei piccoli puntini poco visibili. Oltre a questo, anche seguire una dieta sana e bilanciata, evitare il fumo e l’alcool il più possibile e cercare di gestire le situazioni di stress, può di certo dare una mano. 

Terapia a base di farmaci


Il minoxidil e la finasteride sono gli unici due farmaci che sono stati riconosciuti in maniera ufficiale come terapia contro l’alopecia androgenetica. Il problema è che questi due farmaci presentano un grande svantaggio.

Infatti, una volta interrotta la terapia con il minoxidil o la finasteride, i capelli cadranno di nuovo e si ritornerà alla situazione di calvizie di prima. Inoltre, gli effetti collaterali di questi due farmaci, possono essere anche molto gravi.

Il minoxidil, per esempio, può causare irritazioni, infiammazioni, prurito, dermatiti o gonfiori. La finasteride, invece, ha degli effetti collaterali più pesanti. Infatti, tra questi, ci sono impotenza, disfunzioni erettili, infertilità, problemi neurologici e molti altri.  

CONSIGLI DEGLI ESPERTI
Per tutti coloro che soffrono di calvizie, il Dr. Balwi ha sviluppato uno shampoo e siero che aiuta a contrastare la perdita dei capelli.

Conclusioni


Come abbiamo visto, l’alopecia androgenetica è un problema molto diffuso che colpisce la metà degli uomini in tutto il mondo. Anche le donne ne soffrono, ma la calvizie femminile segue uno schema diverso rispetto a quella maschile.

Di solito, le cause di questo problema sono legate alla genetica, ma possono essere anche di tipo patologico o connesse a dei fattori esterni o psicofisici.  Inoltre, come sappiamo, questo problema colpisce le persone in maniera molto diversa e, quindi, anche il rimedio non sarà lo stesso.

In genere, si può intervenire con una terapia a base di farmaci oppure con un trapianto di capelli. Il primo rimedio presenta, però, degli svantaggi. I farmaci, infatti, hanno degli effetti collaterali che possono essere anche molto gravi. Inoltre, una volta interrotta la terapia, la calvizie tornerà come prima.

Al contrario, l’autotrapianto di capelli rappresenta una soluzione che può essere in grado di fermare il problema una volta per tutte. Si tratta di un intervento non complicato e che ha dei tempi di guarigione molto brevi.   

Ancora nessun commento!

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.