AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS (COVID-19): per saperne di più

Donna che pratica yoga

Yoga e meditazione contro la caduta dei capelli

La caduta dei capelli è sovente associata a un forte stato di stress che, se ridotto o addirittura eliminato, porta subito benefici al nostro cuoio capelluto. E’ dunque interessante capire se pratiche come lo yoga o la meditazione, universalmente riconosciute come tecniche per ristabilire il benessere dell’organismo, possano in tal senso dare un contributo.

Yoga e meditazione: effetti benefici sulla salute dei capelli

La perdita di capelli è spesso rivelatrice di qualche squilibrio all’interno del nostro organismo. Che vi si riponga maggiore o minore fiducia, gli esercizi yoga o una tecnica di meditazione – magari accompagnata da un’attività di massaggio rilassante – sono ampiamente riconosciuti come mezzi per ridurre lo stress. E, talvolta, aiutare sé stessi a esplorare la propria interiorità per trovare l’origine dei propri disagi, è il primo passo per stare meglio. La cattiva salute dei capelli può essere spia di uno stato di tensione nell’organismo che non va assolutamente trascurato. Oltre ad approfondire il problema dal punto di vista medico, può essere dunque utile sperimentare yoga e meditazione per recuperare un adeguato livello di benessere e magari osservare miglioramenti nella qualità del capello, data anche l’importanza che queste pratiche attribuiscono alle singole parti del corpo e alla circolazione sanguigna come flusso di trasmissione dell’energia.

Azioni specifiche contro la caduta dei capelli

Yoga e meditazione possono essere specificamente utilizzate per il miglioramento della qualità dei capelli e la prevenzione di una loro precoce caduta. Chi si affida abitualmente a queste pratiche sa che esistono alcune posizioni e tecniche di manipolazione particolarmente indicate per il benessere della testa e dei capelli. Il principio alla base è quello di stimolare la circolazione del sangue nella regione del cranio, facilitando l’apporto di sostanze nutritive per i bulbi piliferi. Massaggiare e frizionare delicatamente il cuoio capelluto con oli essenziali può inoltre avere un effetto rilassante, sciogliendo la tensione muscolare nell’ottica di rigenerare l’energia del proprio organismo e della propria mente. A beneficio dei lettori elenchiamo alcune delle posizioni yoga consigliate: Uttanasana (Piegamento frontale in piedi), Ustrasana (Postura del cammello), Vajrasana (Posizione del tuono o del diamante), Salamba Sirsasana (In piedi sulla testa), Sarvangasana (Posa della Candela) e Adho Mukha Svanasana (Posizione del cane con la testa in giù).

Come coniugare tecniche di rilassamento e cura dei capelli

Si è già parlato di come una prolungata sollecitazione emotiva possa avere ricadute anche pesanti a livello corporeo: la perdita di capelli ne è un chiaro esempio. Curare la salute del proprio cuoio capelluto abbinando pratiche yoga o di meditazione non significa necessariamente sostenere impegnativi esercizi o ritagliarsi tempo per prolungate sedute di riflessione interiore. Spesso un trattamento che comprenda un bagno e un massaggio alla testa sono già sufficienti per procurare benessere all’intero organismo. Immergersi in una vasca in cui si è disciolto del bicarbonato di sodio e godere di qualche minuto di relax può essere davvero corroborante; successivamente si possono detergere i capelli con prodotti poco aggressivi, risciacquando e asciugando bene la cute. Allo stesso modo, massaggiare in maniera delicata il cuoio capelluto nei punti che le filosofie orientali reputano più importanti per stimolare il benessere psico-fisico, è un’operazione semplice e benefica, che chiunque può ripetere autonomamente e quotidianamente.

No Comments yet!

Your Email address will not be published.